Molte volte durante le partite home-made con gli amici oppure quando si partecipa a un torneo (o anche a un tavolo) su internet si incappa in una mano che poi uno avrebbe voluto registrare per  mostrarla a tutti perché si pensa abbia dell’incredibile. Non è successo almeno una volta anche a voi? Eppure quando il palcoscenico diventa il torneo più importante del mondo e a guardarti ci sono milioni di telespettatori l’ “incredibile” diventa quasi il “fantascientifico”…

Per tutti coloro che seguono le WSOP da qualche anno non potrà non tornare alla mente la mano giocata nel 2005 dai campioni Jennifer Hardman e Corey Zeidman in un testa a testa assurdo.

Le due carte a testa sono 9 e 8 di picche per uno e una coppia di Q per l’altra. Le prime tre carte del flop a terra sono 10 di picche, J di quadri e Q di cuori. Arrivati a questo punto Zeidman ha già una scala in mano e condice il gioco delle probabilità potendo vincere con una percentuale superiore al 60%; la Hardman invece si ritrova con un tris di Q in mano contando anche che la Q è la carta più alta sul tavolo verde.

Al turn esce un 10 di quadri! Situazione a questo punto: lui continua ad avere una scala in mano, però ha anche 4/5 di colore non che di scala reale; lei invece arriva ad avere un full in mano con tre donne e due dieci. Qualunque altro giocatore sarebbe stato certo di vincere questa mano e infatti anche la Hardman a giudica dall’espressione lo era.

Non essendo andata in all in la poker player riceverà una sorpresa davvero dura, anzi durissima quando la carta del river viene girata: esce il 7 di quadri! Corey Zeidman vede e vince l’all in avversario alla quinta carta sul panno con una scala reale di quadri al J contro un full di donne dell’avversaria già raggiunto al turn. La campionessa Jennifer Hardman non crede ai suoi occhi. Molti hanno dichiarato questa mano una tra le più belle, se non la più bella, mai vista alle World Series Of Poker a Las Vegas.

Quest’anno a quelle del 2012 speriamo di vedere qualche mano così perché già il gioco entusiasma tutto e tutti se solo si considera il montepremi, la città in cui il torneo avviene, le leggende che vi partecipano; se poi in più si assiste a una mano del genere non si può che impazzire per questo gioco!