Ciascun torneo sit and go che si rispetti, presenta il suo momento più importante nella fase di bolla: quella, per intenderci, in cui gli ultimi quattro giocatori “superstiti” al tavolo, si giocano tutte le loro chance di aggiudicarsi il torneo, a suon di bui rubati. E’ proprio in questa fase che viene a galla la vera caratura del giocatore di poker, quello che ha le capacità per fare le scelte migliori di volta in volta, sia per quanto riguarda il push, che quindi comprende gli all in necessari per portarsi a casa i bui, sia per quanto concerne le chiamate degli all in degli avversari.

Ovviamente non dobbiamo limitarci ad assumere delle decisioni così importanti solamente in base alle carte che abbiamo in mano, ma più che altro, dobbiamo dipendere dal cosiddetto range del nostro avversario, ovverosia il totale delle mani con cui siamo convinti, o immaginiamo, che l’altro giocatore utilizzerà per la sua mossa.

Tutto ciò che dovrete fare è analizzare il possibile range del vostro avversario, provando ad anticipare il tipo di giocatore: se è tight, passivo, aggressivo, ecc..

Nel caso in cui sia tight e passivo, ad esempio, la cosa migliore da fare è foldare: di fronte a questa giocata, infatti, un avversario di quel tipo, non si azzarderebbe mai e poi mai a rischiare il proprio sit and go, visto che il piazzamento a premio è quasi in cassaforte.