Quando state partecipando ad un torneo, l’immagine che date al tavolo sarà davvero fondamentale per capire e valutare quanta attenzione ci sarà nei vostri confronti da parte degli altri giocatori e, soprattutto, il grado di abilità con cui potrete portare sulla strada sbagliata, a vostro piacimento, gli avversari, magari obbligandoli a puntare o a foldare in un momento per loro sfavorevole.

Anche se definire un’immagine loose aggressive nella fase primaria di un torneo può essere d’aiuto per portare avanti la costruzione dello stack, è altrettanto importante individuare un’immagine tight nella parte finale di un torneo, in quanto ciò vi permetterà di muovermi meglio nel momento in cui le chips conteranno sempre di più.

Molto spesso succede che i giocatori che si trovano in middle e early position, foldano un giocatore di cutoff oppure al bottone provano un rilancio.

In questi casi il problema rappresentato da questo tipo di mosse è che sono molto prevedibili e gli avversari ci possono “mangiare” sopra.

Nel caso in cui infatti rilanciate in modo costante dal bottone, i giocatori di buio, prima o dopo, proveranno un re-raise con qualsiasi due carte.

Può anche succedere di essere chiamati da giocatore dai bui che dispongono di una vasta scelta di mani che poi porterebbero ad un check-raise al flop.

Lo fanno semplicemente per un motivo: date un’immagine loose al tavolo, a causa dei vostri rilanci costanti dal bottone.