Spesso gli esperti e non del gioco della roulette hanno sentito parlare della legge dello scarto, ma per spiegare questa legge è necessario prima di ogni cosa spiegare cosa si intende per scarto. Lo scarto in questo caso è la differenza tra due risultati che hanno la stessa probabilità di verificarsi, su un determinato numero di colpi, come un pari o dispari, un rosso o nero e così via. Per esempio su 50 colpi 20 possono essere pari e 30 dispari, lo scarto sarebbe 10 a favore del dispari. Chiarito il concetto di scarto, enunciamo dunque la relativa legge che dice: il valore di uno scarto è compreso fra il doppio ed il quintuplo del valore della radice quadrata del totale dei colpi durante i quali è stato prodotto. Detto così il messaggio può sembrare complicato, quindi facciamo un esempio pratico. Su 100 colpi lo scarto dovrebbe andare da un valore minimo di 20 ad un massimo di 50, infatti la radice quadrata di 100 è 10, il doppio della radice quadrata di 100 è 20 ed il quintuplo è 50, ecco determinato il ventaglio tra cui sarà compreso lo scarto tra i due risultati su 100 colpi. Difficilmente lo scarto eccede queste cifre, ammesso che succeda si tratta di eccezioni che non incidono sulla validità della regola che risulta comunque del tutto affidabile.